Miseria e nobiltà

Miseria e Nobiltà è la più classica e la più nota tra le commedie di Scarpetta.  La storia è ambientata nel 1800, ed ha come protagonisti: Felice Sciosciammocca, scrivano e Pasquale, salassatore, poveri in canna, che vivono in un tugurio, ridotti in totale miseria. I due poveri diavoli, vengono convinti dal marchesino Eugenio a fingersi suoi aristocratici parenti per aiutarlo a chiedere la mano della bella Gemma, figlia di un ex cuoco arricchito. Scarpetta raggiunge i suoi esiti più alti, i risultati poeticamente più pregnanti, soprattutto nel celeberrimo primo atto, dove i personaggi trovano compiuta definizione e le situazioni sono mosse da una trama di asciutta qualità drammaturgica. Nel secondo atto, la scena si fa più colorita: nello sfarzo della casa dell’ex-cuoco arricchito, prende corpo l’inganno ad opera dei pezzenti travestiti da nobili, reso necessario perchè il padre del marchesino Eugenio si oppone al matrimonio. Equivoci, litigi e colpi di scena a ripetizione, si susseguono in un crescendo di comicità e situazioni grottesche e nella confusione generale, Felice può persino intravedere la serenità familiare e un futuro con pasti assicurati. Una commedia dove si ride, anche molto, ma si ride amaro perchè a far da sfondo c’è sempre ben delineato ed ineluttabile lo spettro della fame e della povertà. La distinzione tra la “vera miseria” del primo atto e la “falsa nobiltà” protagonista del secondo atto, è resa anche visivamente con la scelta di una scenografia volutamente parca ed essenziale, con intrecci di spago (materiale povero per eccellenza) a fare da sfondo, ed una recitazione più naturale e vera, a cui fanno da contraltare nel secondo atto, lo sfarzo dei bellissimi costumi, ed una recitazione più caricaturale e grottesca, tese a rappresentare la fatuità della ricchezza. “Miseria e nobiltà è la commedia che abbiamo scelto per chiudere la fortunata trilogia scarpettiana, iniziata nel 1998 con “Na Santarella”, seguita nel 2004 da “I niputi du sindaco”, testi classici del teatro comico di tutti i tempi.

  • Print
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • email
  • Live
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
marzo 13, 2010 Post Under Eventi - Read More

Leave a Reply